SportParade #11: tutte le “novità” di Settembre

Scriviamo di sport anche oggi, anche se forse non è il caso, anche se intorno a noi lo sport oggi è davvero ciò che conta di meno. Però sappiamo fare questo e lo facciamo con amore, e l’amore vince su tutto: a tutti Voi una piacevole lettura, alla Superba un abbraccio sincero.

Il record di Kimetto di Francesco Pedemonte

Mi sto preparando per la mezza maratona. Non so perchè abbia iniziato a correre, ma oramai voglio portare a termine l’impresa. Nel mio allenamento, quasi giunto al termine, ho corso i fatidici 21, 097 km in 2he01min. Tutto felice, arrivo a casa e lo stesso giorno Denis Kirupto Kimetto stampa il nuovo record della maratona: 42 km in 2h02min57sec. In pratica una velocità doppia alla mia e record del mondo abbassato di 26 secondi. Allora mi sono andato a guardare i parziali: 1h1min45sec per la prima metà di gara, 1h1min12sec per la seconda parte. Un negative split di 33 secondi e 2min54sec al Km. E per rendersi conto ancor meglio della sua progressione consiglio di andare a vedere i parziali km per km. Impressionante.  

Acque agitate per Michael Phelps di Matteo Canepa

E’ del 30 settembre la notizia dell’arresto a Baltimora per guida in stato di ebbrezza del più decorato atleta dei Giochi olimpici di ogni tempo (ben 18 ori). Non si tratta della prima volta: già nel 2004 il campione era stato fermato per lo stesso motivo. Senza contare che nel 2009 fecero scalpore le immagini che lo ritraevano a fumarsi un bong a una festa. All’epoca la federazione nuoto americana lo sospese per 3 mesi. Questa volta la sanzione è stata più pesante: 6 mesi di sospensione e l’impossibilità a partecipare ai prossimi mondiali in Russia. Phelps in questa occasione ha immediatamente fatto pubblica ammenda sui social network  (credo anche su spinta dei numerosi sponsor preoccupati). Non solo, ma pare che il nuotatore statunitense trascorrerà le prossime 6 settimane in un centro riabilitativo. Il tutto per cercare di ritrovare e se stesso. Personalmente credo che dopo tutto quello che ha vinto non abbia da dimostrare più nulla a nessuno, però è anche vero che la sua visibilità nel mondo dello sport e di riflesso nello star system lo hanno reso un personaggio pubblico e un esempio per i giovani. Noi non possiamo che fargli il nostro in bocca al lupo!

A un anno da piazza Taksim di  Simone Tallone

I pubblici ministeri di Istanbul hanno chiesto l’ergastolo per 35 ultras del gruppo Carsi del Beşiktaş. I tifosi, d’ispirazione anarchica, sono stati accusati di “aver provato a rovesciare il legittimo governo turco con mezzi illegali” durante le proteste di massa in difesa del parco Gezi in Piazza Taksim del maggio 2013. Obiettivi che si evincono, a detta dell’accusa, dai alcuni tweet e dalle conversazioni telefoniche.
A fianco dei manifestanti di piazza Taksim, oltre al gruppo Carsi si erano schierati anche gli UltrAslan del Galatasaray e i Vamos Bien del Fenerbahçe: durante il campionato nemici giurati, uniti nella protesta.
Coloro che erano in strada rischiano pene molto dure e già tre mesi fa i pubblici ministeri hanno chiesto tredici anni di prigione per 20 militanti di Solidarietà Taksim. Ora è la volta degli ultras. E si parla già di due pesi e due misure. Molto più leggere infatti, ad oggi, sono le pene richieste per le forze dell’ordine che in quei giorni uccisero 8 persone e ne ferirono quasi 8000.

Il Giro d’Italia parte dalla Liguria di Davide Podestà

giro d’italia 2015 genova

Notizia super battuta ma impossibile da bypassare: la Grande Partenza del Giro 2015 avrà luogo nella nostra regione, con la cronosquadre di apertura lungo la pista ciclabile che da San Lorenzo al Mare porta a Sanremo. Rapporto controverso quello fra il nostro territorio e lo sport del pedale: i ciclisti amano la Liguria ma potrebbero farne tranquillamente a meno mentre la Liguria non ama i ciclisti ma (almeno negli ultimi anni) sembra non poter rinunciare alla loro presenza, soprattutto nei mesi meno turistici.
Questa storia un po’ sbagliata, ma comunque appassionata, si consumerà con un rapporto assai focoso da Albenga a Genova: tappa cardine della quattro giorni ligure, offrirà uno spettacolo impagabile con il circuito cittadino che si snoderà per le vie della Superba.
La Rapallo-Sestri Levante e la Chiavari-La Spezia saranno invece due tappe tecnicamente interessanti con percorsi fra loro abbastanza simili, tecnici ma non impossibili: si chiamano tappe tranello e di solito si trovano nella seconda delle tre settimane del Giro, generalmente lungo l’Appennino. Piazzate in partenza faranno un bel casino.

No Balotelli, No Party! di Alessio Rassi

Per Mario Balotelli doveva essere il trasferimento della rinascita e invece è di nuovo alle solite. Litigio e conseguente fine della storia con la fidanzata Fanny dopo averne chiesto la mano quest’estate, serate folli in giro per Liverpool e una presunta vecchia fiamma conosciuta ai tempi del Manchester City che irrompe sulla scena. Supermario è di nuovo nell’occhio del ciclone, tanto da indurre i vertici dei “Reds” ad affincargli un bodyguard, o meglio, un supervisore! Proprio così, per evitare scorribande e bravate il ragazzo bresciano sarà seguito da un’ombra che avrà il compito di intervenire ogni qual volta Mario fosse in procinto di esagerare. Nel frattempo prima panchina “forzata” per Balotelli: che anche a Liverpool sia già finito l’idillio? Ai tabloid l’ardua sentenza.

L’importanza di saper usare la mazza di Francesco Salvi

Giovedì 25 settembre sarà per sempre la data della sua ultima partita di baseball. A 40 anni si ritira la stella dei New York Yankees, Derek Jeter. Siamo all’ultimo inning, Derek fa una giocata decisiva e regala la vittoria alla sua squadra contro Baltimora. Insomma un finale perfetto con tanto di giro di campo, davanti a 50000 spettatori con “New York, New York” in sottofondo. Degno titolo di coda per una leggenda del baseball. Lo ha omaggiato anche J.R. Moehringer in questo meraviglioso articolo. Oltre al conto in banca milionario e ad essere un campione sul diamante, ho scoperto che Jeter è un fuoriclasse anche con un altro tipo di “mazza” come dimostra la formazione (con tanto di dimenticanze, Joy Enrique, Lara Dutta, e panchina) delle sue ex fidanzate che ha stilato ESPN. Della serie: rinasciamo Jeter?

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>