beckham

Una notte con David

Gli amanti dell’arte, i cinefili, gli sportivi, o anche semplicemente chi almeno per una volta nella vita ha espresso il desiderio di passare una notte con David Beckham, forse non sanno che, passeggiando per la National Portrait Gallery di Londra, potranno essere piacevolmente sorpresi. Tra i corridoi colmi di visi, occhi ammiccanti o sornioni, si nasconde un’installazione particolare. Non una tela né uno sviluppo fotografico, ma un video di quasi due ore, realizzato nel 2004 da Sam Taylor-Johnson, che ha come protagonista proprio il calciatore inglese, a quel tempo militante nelle fila del Real Madrid.

Per 107 minuti di girato David dimentica tutte le ansie sportive e della notorietà perché nel video… dorme: tranquillo, come un bambino, il viso che poggia dolcemente sulle braccia – fanno notare i giornali inglesi – pelose. Quasi trasgressivo nella sua intimità.
Il film, le cui riprese sono state fatte in un albergo di Madrid dopo una sessione di allenamento mattutina, è girato a livello degli occhi di Beckham, tanto che lo spettatore può davvero immaginare di essere sdraiato accanto a lui.

Ovviamente non è tutto. I visitatori più attenti ai particolari e  i medici del sonno potranno notare le abitudini di riposo di una superstar sportiva. Un’anticipazione comunque possiamo già darla: dormire accanto al campione non dovrebbe essere così traumatico: David non russa!

The following two tabs change content below.
Simone Tallone
“Come tutti i bambini, avrei voluto essere un calciatore. Giocavo benissimo, ero un fenomeno, ma soltanto di notte, mentre dormivo: durante il giorno ero il peggior scarpone che sia comparso nei campetti del mio paese. Sono passati gli anni, e col tempo ho finito per assumere la mia identità: non sono altro che un mendicante di buon calcio. Vado per il mondo col cappello in mano, e negli stadi supplico: «Una bella giocata, per l’amor di Dio».” – Ahimè, fossero parole mie! Eduardo Galeano parla per me!
Simone Tallone

Ultimi post di Simone Tallone (vedi tutti)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>