Lokomotiv Zapata e sport popolare

Una due giorni di sport e antirazzismo tra il Porto Antico e il C.S.O.A. Zapata per festeggiare il Lokomotiv Zapata e presentare le discipline sportive della Polisportiva che sono: il calcio, la pallavolo, il basket e l’alpinismo, con in progetto d’introdurre prossimamente una scuola calcio per bambini, una scuola di pugilato e, a partire dall’anno nuovo, in collaborazione con La Resistente (altro esempio di calcio popolare),  un torneo di calcio per profughi ed esiliati politici emigrati a Genova (presso il CAP di Di Negro).

Ma che cos’è una polisportiva popolare? –  lo abbiamo chiesto a Valerio, tra i creatori del Lokomotiv.

La Polisportiva Popolare Lokomotiv Zapata nasce nel 2012 grazie ad un gruppo di militanti e compagni del Centro Sociale Emiliano Zapata di Sampierdarena che, dopo anni di calcio agonistico con la Lokomotiv Zapata (squadra di calcio del centro sociale iscritta al campionato Uisp), hanno deciso di creare una associazione in grado di accogliere ragazzi della cittadinanza, giovani profughi ed esiliati politici emigrati a Genova,  privi di ogni diritto per la pratica amatoriale di attività sportive. La nostra politica infatti, cerca di combattere le classica usanza delle maggiori Federazioni sportive italiane, in cui si impedisce ad un individuo privo di regolari documenti, di praticare uno sport all’interno di un campionato amatoriale. Inoltre grazie all’autofinanziamento e alla organizzazione di tornei amatoriali, l’intenzione della polisportiva è quella di far praticare diverse attività agonistiche a tutti coloro che economicamente non sono in grado di praticare.

Una bella realtà, quella dello sport popolare, che vede solo a Genova altri esempi come La Resistente e la palestra popolare Baliano, ma che è già una pratica ben riuscita in tutta Italia, da nord a sud, con spazi vitali come il Quartograd a Napoli, l’Atletico San Lorenzo a Roma, lo Spartak Lecce, la Virtus Verona, la Palestra Popolare Perugia, l’Atletico San Precario e molte altre.

Ormai da più di 10 anni, grazie anche alla collaborazione con la Uisp che fornisce le strutture, le attrezzature e la pubblicità, il CSOA Zapata è riuscito ad organizzare il torneo Cartellino Rosso al razzismo, il torneo di Street Basket e di Beach Volley, il Torneo di calcio antirazzista Under 18 e diverse escursioni alpiniste con la nuova associazione del C.A.Z. (collettivo alpinista zapatista), lungo le montagne liguri e del basso Piemonte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>